mercoledì 26 ottobre 2011

qualcosa di me



Di cognome faccio Abbondante.
E non posso negare che mi rappresenti piuttosto bene.
Di nome faccio Annabella, attaccato e senza virgole.
Annabella Abbondante, porto la taglia 48 e sono sempre a dieta.
In un certo senso mi sento una predestinata.
Ignoro le ragioni che spinsero i miei genitori a farmi questo torto. Non credo si sia trattato di semplice distrazione. Visto che mia sorella più grande si chiama Maria Fortuna.
Maria Fortuna Abbondante.
Posso solo pensare ad un desiderio ancestrale di rivalsa sul destino cinico e baro della nostra famiglia, storicamente povera in canna per generazioni e generazioni.
Con questo nome si capisce il motivo per cui a sedici anni avevo deciso di fare l’attrice comica. Perché invece, alla fine, io abbia scelto di diventare un magistrato, il mestiere più serioso del mondo, si capisce meno.
Faccio il giudice civile a Pianveggio, provincia di Lucca, Italia.
E adesso sto sempre inchiodata qui, in questa mia aula di Tribunale… e pensare che da bambina ero convinta che avrei fatto il giro del mondo!!

Nessun commento:

Posta un commento